Nuovo contributo editori

E’ arrivato il contributo editori relativo all’iniziativa “Io leggo perchè” a cui il Pellati ha partecipato anche quest’anno, per la seconda volta. Si tratta di titoli molto recenti, tra cui potrete trovare anche tre graphic novel.

Sono ben 112mila i libri nuovi donati dagli editori, arrivati nelle scuole di tutta Italia dalla prima settimana di maggio grazie a #ioleggoperché, la grande iniziativa dell’Associazione Italiana Editori (AIE) a favore delle biblioteche scolastiche. Visita la pagina dedicata…

https://www.ioleggoperche.it/news/112000-nuovi-libri-donati-dagli-editori-in-arrivo-alle-scuole

UN LIBRO TANTE SCUOLE

TORNA Un libro tante scuole

L’iniziativa del Salone del Libro di Torino, al secondo anno della sua attività, torna a proporre la lettura e la condivisione di un romanzo agli studenti delle scuole superiori. Una copia de “L’isola di Arturo” di Elsa Morante è già arrivata agli studenti delle classi 3AL, 3BL e 2DL che prossimamente potranno accedere ai contenuti offerti dalla piattaforma salto+ e partecipare con le proprie recensioni alla creazione di un commento collettivo su bookblog.salonelibro.it.

Lo scorso anno sono stati gli studenti dell’attuale 5DL a partecipare con “La peste” di Albert Camus, lettura impegnativa ma rivelatasi alquanto profetica, soprattutto alla luce del periodo di pandemia che stiamo ancora vivendo. Le recensioni di tre studenti sono state pubblicate e sono visionabili al seguente link: https://bookblog.salonelibro.it/category/la-peste/page/4/

Giornata Internazionale dei Diritti della Donna

L’8 marzo, Giornata Internazionale dei Diritti della Donna, anche nella nostra città l’amministrazione comunale ha proposto alcune iniziative culturali. L’autrice Cinzia Montagna ha presentato il suo libro, Donne fuori dalla storia, agli studenti e alla cittadinanza. In particolare, durante la serata al Foro Boario, sono state raccontate due storie di donne legate al nostro territorio: Bettina, giovane contadina protagonista della fondazione di Nizza della Paglia e Camilla Faà di Bruno, la cui vicenda si intreccia con con quella della Marchesina Crova, nota nicese.

E’ stata inoltre inaugurata la mostra “Le Madri Costituenti” in collaborazione con l’Associazione Toponomastica femminile: sarà esposta al Foro Boario fino al 10 aprile.

Il libro Donne fuori dalla storia è disponibile in biblioteca (leggi la recensione)

CERTAME FENOGLIANO

“Fenoglio è l’unico che riesca a rispettare la verità dei fatti pur dando ai propri scritti un taglio autenticamente letterario” (G. Falaschi)

In occasione dei cento anni dalla nascita di Beppe Fenoglio, il Liceo Govone di Alba ha indetto il Certame fenogliano, una competizione tra studenti delle scuole superiori, provenienti da tutto il territorio nazionale, che si svolgerà il 24 marzo. Anche due studenti della 5AL del nostro Istituto vi parteciperanno. Per la preparazione sono state organizzate nel mese di febbraio tre lezioni in videoconferenza tenute da docenti dell’Università di Torino, a cui abbiamo partecipato come gruppo biblioteca.   

L’8 febbraio la dott.ssa Margherita Quaglino, docente di Storia della Lingua italiana, ci ha introdotti nel mondo de La malora e lo ha fatto attraverso un’analisi testuale dell’opera, evidenziando particolari della sua struttura ma anche della sua lingua. Ci ha fatto notare, ad esempio, che l’immagine della casa scandisce i tre punti nevralgici del racconto (l’incipit, la metà e la conclusione), quasi a mettere in rilievo il tema del ritorno del protagonista. Agostino, voce narrante, costruisce il suo racconto attorno ai momenti fondamentali, come la morte del padre, e lo fa con la modalità della narrazione popolare (struttura ad anello, base di oralità, riferimento a fatti esemplari), quasi nel tentativo di ricostruire una memoria famigliare da trasmettere ai discendenti. Questo ci permette di leggere La malora come romanzo di formazione, forse l’unico del ‘900, controcanto de La luna e i falò di Pavese che invece rappresenta il fallimento di questo tipo di narrazione.

Il 14 febbraio con il professor Giovanni Barberi Squarotti abbiamo affrontato il tema del viaggio in Fenoglio, da Agostino a Milton. Se quello di Agostino ne La malora è un viaggio di ritorno, un nostos che gli conferisce le fattezze dell’eroe classico, anche quello di Milton di Una questione privata segue un percorso circolare, ma quando alla fine del romanzo rivede la villa di Fulvia, egli non è più lo stesso. Che cosa gli succede in quel momento? Il finale parla di un “crollo” ma non è detto che muoia. Milton non può morire perchè ha appena scoperto che la verità non c’è, non si può conoscere e che tutto è stato una costruzione della sua mente. Solo facendo morire Fulvia, smettendo di pensare a lei, Milton scopre il valore della vita, e la corsa finale rappresenta la sua spasmodica volontà di lottare per difenderla.

Il 24 febbraio il professor Davide Dalmas ci ha parlato dei partigiani di Fenoglio, figure dai tratti eroici e sacrali, che aspirano ad un’investitura religiosa e politica, pur senza cerimonie né signore. Quest’idea trapela indirettamente dalle righe de Il partigiano Johnny (“nor death itself would have been divestiture”) così come le basi ideologiche della guerra contro i fascisti vengono attribuite a personaggi come il professore di filosofia, Chiodi. Nelle opere di Fenoglio, racconti compresi, ci sono diverse figure di partigiani ma non sembra possibile ricondurle tutte ad un’unica definizione, non esiste un modello; c’è però una continua ricerca di comprenderne il significato, di dargli consistenza attraverso le parole e i dialoghi tra i personaggi. 

Scopri gli eventi legati al Centenario Fenogliano preparati dal Centro Studi Beppe Fenoglio: https://www.beppefenoglio22.it/

Consulta il catalogo della biblioteca per reperire le opere di Fenoglio (sono disponibili più di 10 titoli).

EVENTI – Immagini dall’inaugurazione della Biblioteca

Finalmente la tanto attesa apertura della Biblioteca: da oggi gli studenti dell’istituto e tutto il personale scolastico possono usufruire del servizio prestiti e accedere alla consultazione, anche in modalità online.

prof. Sara OSTANEL, referente del Progetto Biblioteca Pellati

Alla presenza della Dirigente Matelda Lupori, dell’Assessore Ausilia Quaglia e della Dirigente Stella Perrone in collegamento dall’Istituto Vittorio Alfieri di Asti, i ragazzi e i docenti del “Progetto Biblioteca” hanno illustrato i primi risultati del loro lavoro, si sono mostrati desiderosi di proseguire e pronti ad accogliere nuove iniziative culturali nel segno della condivisione e della collaborazione. 

la prof. Sara OSTANEL con l’assessore Ausilia QUAGLIA

INAUGURAZIONE BIBLIOTECA

Giovedì 10 febbraio alle ore 10:00 si terrà l’inaugurazione della biblioteca del nostro Istituto.

La Biblioteca “Gianluigi Sommovigo” apre nuovamente al prestito e alla consultazione dopo un lavoro di sistemazione e digitalizzazione condotto dal gruppo di studenti e docenti del “Progetto Biblioteca” e reso possibile anche grazie al contributo della rete “DigitalBiblioAgorà” di cui il nostro Istituto fa parte.

NEWS: Ilaria Cocito e i “Prigionieri del Ragno”

Il 14.12.2021 abbiamo invitato nella biblioteca della nostra scuola una ex-alunna del nostro istituto, Ilaria Cocino, studentessa presso la facoltà di di Lingue a Torino, la quale ha presentato il suo primo libro “Prigionieri del Ragno”, edito in crowdfunding da Bookabook. 

Dopo una prima indagine sui nostri gusti ed abitudini di lettori, Ilaria ci ha raccontato la sua esperienza, la sua passione per la scrittura  (in particolare per il genere poliziesco) ed il suo primo approccio al mondo dell’editoria.

Prigionieri del ragno” è stato ideato e scritto durante il lockdown, mentre Ilaria stava svolgendo l’Erasmus in Spagna. Da circa un mese è partita la campagna di crowdfunding, che la vede impegnata a far conoscere il suo romanzo ai potenziali lettori ed acquirenti. Una bella sfida che mostra di aver intrapreso con audacia ed ironia. 

L’incontro è stato un’occasione per stimolare la curiosità dei ragazzi intervenuti e condividere esperienze: il mondo della lettura ci affascina e quando passa attraverso i social e le tecnologie svela nuove potenzialità.  

La nostra ospite tornerà nella nostra scuola per rilasciare un’intervista a RadioPell@ti e presentare il suo libro a chi non ha potuto partecipare all’incontro.

NEWS: Anche all’Istituto Pellati è tempo di letture!

In occasione di “Libriamoci 2021”, nella settimana dal 15 al 19 novembre gli insegnanti hanno dedicato una loro lezione alla lettura ad alta voce, scegliendo tra i libri che amano di più e che consiglierebbero ai loro studenti.

Locandina


Si è conclusa così la settimana della lettura condotta dagli insegnanti e dagli studenti del Pellati, per un totale di oltre 60 ore e oltre 50 libri che hanno preso vita nelle aule scolastiche grazie alla voce dei lettori. Un’occasione per offrire nuovi stimoli e risvegliare sopiti interessi che la comunità educante dell’Istituto spera porti presto buoni frutti.

Le attività infatti si sono svolte contestualmente alla decima edizione di Libri in Nizza 2021 che è tornata ad offrire alla cittadinanza un calendario ricco di incontri ed iniziative.